logo

La Repubblica parla di Noi

IL RISTORANTE LE GROTTE - DON SALVATORE SI TROVA DAL 1962 IN VIA MERGELLINA 4/5: FESTEGGIA QUEST'ANNO I CINQUANTACINQUE ANNI DI ATTIVITÀ
Ristorante simbolo della città di Napoli, "Le Grotte - Don Salvatore" rappresenta un pezzo di storia della cucina napoletana ma anche e soprattutto dei cambiamenti della città. Aperto nel 1962, le sue vicende possono essere fatte iniziare ancora prima, quando cioè, negli anni ‘50, il nucleo originario del ristorante era sulla scogliera di fronte all'attuale posizione ed era una struttura sulle palafitte, soggetta alle mareggiate e accessibile solo tra maggio e ottobre. Dopo aver vinto un bando per la location accanto alle grotte di via Mergellina - l'attuale posizione - e dopo numerose difficoltà burocratiche, oltre che pratiche, il ristorante di Don Salvatore fu finalmente inaugurato nel 1962 e si appresta a festeggiare quest'anno i cinquantacinque anni.
55 ANNI DI STORIA
A raccontare la storia di "Le Grotte - Don Salvatore" è il signor Elpidio Mastronardi, l'ottantunenne responsabile del ristorante che ogni mattina, puntuale, tra le sette e mezza e le otto e mezza, scende a preparare i locali all'apertura, innaffia le piante e controlla che sia tutto a posto. La gestione del ristorante, da questo punto di vista, è quasi familiare: con lui collaborano la figlia Giuseppina, detta "Pucci", e la cognata Maria Rosaria, che si occupano dell'accoglienza clienti sia a mezzogiorno che alla sera. Le Grotte è infatti aperto tutti i giorni e per tutto il giorno (tranne il mercoledì), dalle 12 alle 16 e dalle 17 alle 24. Nel corso di questi oltre cinquant'anni il ristorante è cambiato molto e la proprietà è passata di mano in mano da Salvatore Aversano al figlio Tonino, fino poi, via via, all'attuale gestione societaria. Di pari passo si sono evoluti anche il ristorante stesso e il menu: i locali sono stati ridotti, per assicurare un ambiente più accogliente e esclusivo, e il menu - pur mantenendo il culto per le autentiche ricette dei piatti storici napoletani, sempre fedelmente interpretate si è ora specializzato principalmente sul pesce.
Degno di nota, infine, anche il fatto che proprio qui sono venute a mangiare personalità che hanno fatto la storia, come i Kennedy e Marcello Mastroianni, e molti altri personaggi con cui il signor Elpidio può vantare foto ricordo.
NEL MENU
Specialità di Le Grotte - Don Salvatore è il pesce, elemento centrale del menu dall'antipasto alle portate successive. Peculiarità del ristorante è l'aver sviluppato la possibilità per i clienti di scegliere il pesce direttamente da una vetrina, potendo poi indicare anche il tipo di cottura desiderata (arrosto, all'acqua pazza, al forno, ...), per lasciare completa libertà di decisione agli ospiti, che possono così scegliere esattamente cosa e quanto mangiare, optando per portate classiche o menu degustazione con svariati assaggi. Il ristorante può vantare inoltre una cantina, non particolarmente vasta ma frutto di un'attenta selezione che predilige innanzitutto i vini del territorio.
L'ATTUALE GESTIONE
Dopo anni in cui il ristorante è stato conosciuto come "Don Salvatore", dal dicembre 2015 il nuovo nome è "Le Grotte" in riferimento alle antiche grotte in tufo che erano utilizzate come riparo invernale per le barche dei pescatori. Ora, nell'attuale struttura, i "malazeni" non sono direttamente visibili ma sono comunque visitabili nel garage accanto al ristorante.
Con il nuovo nome è cambiata anche la gestione del locale, giovane e completamente rinnovata: cuoco, pizzaiolo e il personale tutto hanno un'età media di quarant'anni. Il locale è stato inoltre ridotto negli spazi: ora occupa cento metri circa e per chi preferisce mangiare all'aria aperta mette a disposizione una piccola area all'esterno per quindici persone. Considerata la capienza ridotta del ristorante si consiglia quindi sempre di prenotare, soprattutto nel fine settimana e nei giorni di festività.
MENÙ A BASE DI PESCE, CON LA POSSIBILITÀ ANCHE DI PIZZA E CARNE
IL RISTORANTE HA APERTO NEL 1962
ALLA SALA DI 100 METRI, D'ESTATE SI AGGIUNGONO 15 POSTI ALL'ESTERNO

Articolo La Repubblica

Pubblicato in Generico

torna alla pagina principale